Riprendiamoci il controllo della nostra mente

Lo so che sto parlando tanto di comunicazione digitale e poco di marketing. Ma in questo periodo viviamo un momento storico pazzesco per il mondo dell’informazione.

1 – Kaspersky è sicuro? La domanda che tutti pongono in questo periodo (ilsoftware.it)

La paura è giustificabile, ma la mistificazione no. Poi ovviamente siamo liberi di non acquistare prodotti russi, ma quantomeno prima informiamoci. I lanci delle agenzie sul caso dell’antivirus Kaspersky sono ridicoli e inverecondi. Facciamo un minimo di chiarezza. Articolo qui.
TEMPO DI LETTURA: 15′

2 – La morte della verità: i danni della guerra su informazione e democrazia (agendadigitale.eu)

Bellissimo editoriale. Corto, incisivo, comprensibile. La mistificazione della verità c’è da entrambe le parti. Chi ne esce sconfitto? La democrazia e la libertà. Sul tema ho fatto un video di 2 minuti se vuoi vederlo clicca qui. Riprendiamoci il controllo della nostra mente. Articolo qui.
TEMPO DI LETTURA: 5′

3 – Dall’omnichannel manager al responsabile metaverso: le professioni digitali del fashion che le aziende cercano di più (insidemarketing.it)

Nessuno di noi credo lavorerà mai nel fashion (beh non si sa mai). Però è interessante vedere come nascano professioni tipo il “business development manager metaverse”. Ci aiuta a comprendere la direzione che lentamente sta prendendo il mercato. Articolo qui.
TEMPO DI LETTURA: 8′

4 – Batching: il metodo per mantenere la concentrazione e alta la produttività (spremutedigitali.com)

Non c’è la tecnica definitiva, sono d’accordo. Io personalmente interseco batching con tecnica del pomodoro. Sono convinto che ognuno debba incrociare diverse soluzioni in base alle proprie propensioni. Tu che fai? Articolo qui.
TEMPO DI LETTURA: 5′

5 – Telegram aggiornato per le dirette!

Zitto zitto, ma lo sviluppo continua. Credo che l’ultimo aggiornamento sia emblematico sulle ambizioni di Telegram. Non più instant messaging, ma molto più social network. Articolo qui.
TEMPO DI LETTURA: 5′

Video da Youtube: Amazon copia i prodotti degli altri?